Stefania Bonaldi su Facebook


     Appuntamenti:


     Noi siamo con Stefania:
Adriana Novaes
Agostino Doldi
Agostino Fiorentini
Agostino Guerci
Agostino Savoldi
Alberto Chiodelli
Alberto Chiodo
Alberto Colosio
Aldo Patrini
Alessandro Coloberti
Alessandro Inzoli
Alessandro Taino
Alessio Bolzoni
Alfonso Di Lauro
Alice Stabilini
Angela Barelli
Angela Brianza
Angela Cattaneo
Angela Maria Beretta
Angela Passeri
Angela Micheletti
Angelo Noce
Angelo Sanella
Angioletta Bergamaschi
Annalisa Abbiati
Annalisa Radici
Anna Maria Piantelli
Anna Maria Zambelli
Anna Polenghi
Anna Storti
Antonella Colombi
Antonio Campi
Arcangelo Zacchetti
Astrid Pennazzi
Bianca Donati
Bruno Soldati
Camilla Gusmaroli
Carla Boffelli
Carla Ranieri
Carlo Curci
Caterina Panealbo
Catuscia Livraghi
Celeste Tessadori
Cesare Agnesi
Checco Edallo
Chiara Cappelli
Chiara Demicheli
Clara Galmozzi
Cristian Albini
Cristiano Nichetti
Cristina Rey
Daniela Crepaldi
Daniela Martinenghi
Dario Fusar Imperatore
Davide Cazzoni
Davide Martelli
Dina Cattaneo
Dina Piloni
Donata Ricci
Doralice Brazzoli
Egle Cattaneo
Elena Arzola
Eleonora Pasquali
Elio Carniti
Emanuela Molaschi
Emanuela Patrini
Emilio Fiorentini
Emilio Guerini
Enrico Fantoni
Ercole Guerini
Ernesta Brianza
Eugenio Bani
Eugenio Vailati
Ezio Garbelli
Fabio Bergamaschi
Fabio Giaveri
Fabrizio Rossi
Fausto Lazzari
Federica Bonaldi
Felice Lopopolo
Ferdinanda Comandulli
Filippo Rossi
Fiorella Fornaroli
Fiorenzo Gnesi
Fiorina Cerioli
Francesca (Cechi) Marazzi
Francesca Bonizzi
Francesca De Lorenzi
Francesco Patrini
Franco Corbani
Gaspare Maurizio Catalano
Germano Galmozzi
Gianbattista Bonizzi
Gianbattista Tacca
Giancarlo Galmozzi
Giancrisostomo Nichetti
Gianfranco Ferroni
Gianfranco Piantelli
Gianna Bianchetti
Gianluca Pedrini
giorgio Castagna
Giorgio Lucini Paioni
Giorgio Stabilini
Giovanna Alberti
Giovanna Pamiro
Giovanna Michielotto
Giovanni Castagna
Giovanni Gallo
Giovanni Stabilini
Giulia Geroldi
Giuseppe Cappelli
Giuseppe Mussini
Giuseppe Ferrari
Giuseppe Sellino
Giuseppe Stabilini
Giuseppe Zaniboni
Giuseppina Bonizzi
Giuseppe Locatelli
Giusy Gusmaroli
Graziella Albini
Laila Chiodelli
Lara Patrini
Laura Ardia
Leonardo Bergamaschi
Lia Tomella
Lidia Ferrari
Lorena Ricetti
Luciano Mussini
Luciano Sanella
Luciella Campi
Luigi Ferrari
Luigi Nicardi
M.Giulia Fiorentini
Maddalena Botti
Marcello Scandelli
Marco Fazzini
Marco Gnesi
Marco Goffi
Marco Guarino
Margherita Bani
Maria Cassinelli
Maria Cristina Dossena
Maria Giovanna Guerini
Maria Rosa Marinoni
Maria Teresa Alberti
Maria Teresa Ardia
Maria Teresa Cagnana
Maria Teresa Zambelli
Maria Premoli
Marina Mussini
Marina Lodigiani
Mario Ciuna
Mario Crotti
Mario Paolo Alberti
Mario Piloni
Mario Tosi
Marisa Fugazza
Maristella Crespiatico
Marita Desti
Mariuccia Alberti
Marta Ardia
Marta Bergamaschi
Massimo Montanaro
Matteo Campi
Maurizio Rossi
Mauro Granata
Melissa Lanzoni
Meri Pane
Micaela Fusar Poli
Michelangelo Nidasio
Migliorini Arrigo
Mimma Benelli
Miriel Campi
Monica Bertazzoli
Monica Buscema
Nadir Marazzi
Nicola Jacobone
Nicola Orgiu
Ornella Buzzi
Ornella Tresoldi
Palmira Bonizzoni
Paola Ambrosino
Paola Arcelloni
Paola Bonizzoni
Paola Caravaggio
Paola Gallo
Paolo Ceravolo
Paolo Crepaldi
Paolo Monaci
Paolo Nicardi
Paolo Valdameri
Pia Venturelli
Pier Angelo Vailati
Piero Cattaneo
Piero Mombelli
Pippo Begnis
Raffaele Ardia
Renata Ballace
Renato Severgnini
Riccarda Colasuonno
Riccardo Zucchetti
Roberto Branchi
Romano Dasti
Rosa Benelli
Rosa Rossi
Rosalia Alberti
Rosella Ezzevalli
Rosemma Riboni
Rossana Lodigiani
Rossanna Zeloni
Sabina Vailati Canta
Sabrina Nazzani
Sante Guerini
Sante Pedrini
Santina Longari
Sebastiano Guerini
Sergio Mariani
Silvana Boffelli
Silvia Badocchi
Silvia Colosio
Silvia Stabilini
Simona Danzi
Simona Elmiger
Simona Prete
Simona Zeloni
Stefania Danzi
Tarcisio Meleri
Teresa Barbieri
Teresina Fusar Poli
Tina Scaravaggi
Tiziana Dimiccoli
Vincenzo Cappelli
Walter Della Frera
Wilma Uberti Foppa
Yetta Clarke


     Sondaggi:

I miei post - primarie Crema | STEFANIA BONALDI

COMUNICATO STAMPA: POSTI AUTO DI VIA GRIFFINI – Richiesta di Stefania Bonaldi LA CAPOGRUPPO: “SI METTANO ALL’ASTA SUBITO FRAZIONATI”
La capogruppo del PD Stefania Bonaldi lancia un richiamo all’amministrazione di Crema relativamente alla recente vicenda dell’asta andata deserta per la alienazione dei 26 posti auto di Via Griffini. E lo fa con una missiva che depositerà all’inizio del consiglio comunale del 29.11. “Non comprendo la ragione per la quale si è deciso di procedere alla messa in vendita cumulativa dei 26 posti auto di proprietà comunale – spiega la capogruppo -, non c’era alcuna indicazione o indirizzo del consiglio comunale in questo senso. Capisco l’urgenza del Comune di procedere alla alienazione, ma in questo modo si è commesso un grossolano errore di valutazione, mortificando l’interesse ai singoli posti auto di diversi cittadini e cercando di favorire un’operazione di tipo più immobiliare, cioè l’acquisto complessivo da parte di qualche società, che poi li avrebbe rivenduti singolarmente”. “Mi pare evidente –continua la capogruppo - che, anche se operazione più complessa per la struttura comunale, la vendita frazionata possa essere di maggiore interesse ai tanti abitanti della zona che vivono quotidianamente il disagio della mancanza di parcheggi per i residenti in centro storico”. La richiesta della Bonaldi è pertanto quella di procedere immediatamente con il frazionamento e la messa all’asta dei singoli posti auto anziché tentare di esperire nuovamente la procedura di alienazione cumulativa.



COMUNICATO STAMPA BREBEMI, INTERPELLANZA DI STEFANIA BONALDI LA CANDIDATA SINDACO DEL CENTROSINISTRA: “A PARTIRE DA QUI CREMA DEVE SVOLGERE UN RUOLO DI CAPOCOMPRENSORIO. NON PERDIAMO UN’OPPORTUNITA’”
La candidata sindaco del CentroSinistra Stefania Bonaldi lancia un richiamo all’amministrazione di Crema e al suo ruolo di capo comprensorio a partire dalla questione della Brebemi. E lo fa con un’interpellanza presentata in queste ore. “Nei giorni scorsi – spiega la capogruppo del Pd Stefania Bonaldi - si è appreso del positivo stato avanzamento dei lavori in ordine alla realizzazione dell’Autostrada Brebemi. L’avvio della stessa è prevista per il 2013: è previsto un traffico giornaliero di 60.000 veicoli che vedrà l’apertura di 6 caselli, uno dei quali, quello di Caravaggio - Treviglio est, a meno di 20 km dal nostro territorio. Tale infrastruttura rivestirà per il territorio cremasco e sarà una grande occasione dal punto di vista della mobilità e dei collegamenti. L’attuale scenario registra tuttavia un forte scarto fra una bassa bergamasca molto attenta ed attiva rispetto all’opportunità della Brebemi e un territorio cremasco invece assente su questa partita”. La Bonaldi con l’interpellanza chiede “quale sia lo stato attuale delle ipotesi di collegamento, in territorio Cremasco, con la prevista autostrada Brebemi.e quale sia l’impegno che l’Amministrazione Comunale di Crema, città capo comprensorio, sta profondendo per cogliere l’opportunità di un casello autostradale così vicino al territorio cremasco”. Un appunto anche a Salini: “E’ stata sollecitata, e come, la Provincia di Cremona ad attivarsi in merito e quale è l’impegno emerso?”. Infine dalla candidata sindaco arriva una proposta: “Potrebbe essere opportuno creare, proprio in veste di Città capo comprensorio, un coordinamento – scrive la capogruppo - con tutte le realtà territoriali, associazioni di categoria, categorie economiche, camere di commercio, istituti di credito, attività produttive al fine di monitorare gli stati avanzamento lavori e, soprattutto, creare le condizioni per la definizione, a breve, di più adeguate infrastrutture di collegamento con il casello più vicino al territorio cremasco”. Intanto nel mese di dicembre Bonaldi si incontrerà con alcuni sindaci del territorio e all’ordine del giorno vi sarà anche la questione Brebemi.



STEFANIA BONALDI: “GRAZIE CREMA. ORA RIPARTIAMO ASSIEME”
Buon giorno, Crema! La città siamo noi

Voglio ringraziare i cittadini che sono venuti a votare e che con questo gesto hanno riempito di significato l'idea di democrazia. Vorrei impegnarmi a nome loro nello sforzo di fare comprendere a tutti che la politica è una cosa seria e che solo da una politica con queste caratteristiche possono scaturire quei cambiamenti indispensabili perché la speranza possa prendere il posto dello scoramento che in questi anni si è impossessato di troppi cremaschi. Vincere le primarie non è solo un privilegio, ma esprime l'assunzione di un impegno, l'impegno a rappresentare degnamente la civiltà della parte politica che mi sostiene, ma soprattutto quello di assecondare e incoraggiare le aspirazioni positive di ogni cittadino, valorizzando davvero i talenti e il civismo già affiorato in questi mesi, che potrà manifestarsi anche attraverso la formazione di liste civiche. Ecco, questi sono i confini all'interno dei quali nascerà il nostro programma e se sarò sindaco farò in modo che sia chiaro da subito che non sono solo promesse. Il risultato delle primarie è una grande conquista dei cittadini. Ora ripartiamo insieme per vincere alle amministrative: vogliamo continuare su questa strada, ascoltando i quartieri, riscoprendo quelle straordinarie risorse e competenze che vi sono in città, restando liberi. Un pensiero speciale in questo momento lo dedico ai bambini e ai ragazzi della nostra città, qualora dovessi diventare sindaco, passeremmo insieme cinque anni fondamentali della loro crescita: saranno il mio pensiero prevalente farò di tutto perché in questo lasso di tempo le loro famiglie non rimangano sole.

Grazie a tutti

Stefania Bonaldi candidato sindaco per Crema




COMUNICATO STAMPA: SOSPESO INCONTRO CON OLGA D’ANTONA
Postato il 10 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Nella giornata di ieri l’Onorevole Olga D’Antona ci ha comunicato che sabato sarà impegnata alla Camera per il voto sulla Legge di Stabilità. Com’è a tutti evidente il momento delicato e critico per il nostro Paese non ha permesso, all’ultimo minuto, all’onorevole D’Antona di essere a Crema per l’incontro previsto alle ore 17 alla sala delle Vele.



VIAGGIO NEI QUARTIERI: ULTIMA TAPPA A SANTO STEFANO E VILLETTE PER STEFANIA BONALDI
Postato il 10 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Ultima tappa del viaggio nei quartieri venerdì 11 novembre per Stefania Bonaldi candidata alle primarie del CentroSinistra per le elezioni amministrative 2012. Ma non solo. Il venerdì della Bonaldi sarà caratterizzato da un evento unico nel suo genere: la prima “mezzaNOTTE gialla” nella città di Crema, una sorta di “notte bianca” con eventi culturali lungo un percorso del centro storico di Crema. La capogruppo del Partito Democratico venerdì in mattinata partirà alle Villette: appuntamento con il presidente dell’Anffas; pranzo nella zona Università con alcuni giovani ricercatori. Alle 14.30 caffè/incontro presso una famiglia di Santo Stefano e visita alla zona di via Bramante con alcuni cittadini del posto. Fuoriprogramma venerdì 18 alle 17.30, l’incontro con il parroco di Santo Stefano e il comitato di quartiere. Alle 18,30 parte la “mezzaNotte gialla” al Caffè Gallery in via Mazzini con l’aperitivo con Pippo Civati, consigliere regionale e a seguire “Minuit en Vinyle”, musica anni 70’-80’. Alle 21 appuntamento alla chiesa di Santa Maria di Porta Ripalta con “Meia –noite na Bossa Nova”. Nel giro della “Notte Gialla” anche il Barcelona Cafè dove si terrà la “Media noche en Disco” a partire dalle 22. Per finire dalle 23 “Midnight in Progressive rock” al Mercato Austroungarico. Ma non è finita alle 24,00 è previsto un tour guidato di Crema nella notte. Un’iniziativa nata per incontrare i giovani e non solo ma anche per fare “una prova” già in questa fase di buona amministrazione ovvero di come è possibile vivere diversamente i luoghi del centro. “Non è tuttavia – spiega subito la Bonaldi – la chiusura di un viaggio ma come nel “Giro d’Italia” è solo la prima volata. Tornerò nei quartieri se vincerò le primarie e se sarò sindaco la visita nei quartieri diventerà prassi. Ho scelto di mettere i quartieri al centro– spiega la Bonaldi – perché ho percepito che c’era un gran bisogno di fare rete, di ascoltare le persone, di rendere protagoniste alcune realtà che vi sono nelle diverse zone. Ho fatto oltre 70 incontri con associazioni, parroci, famiglie. Ho ora in mano una mappa delle realtà virtuose della città che ho conosciuto di persona. Ho un quaderno ricco di proposte che saranno la base del mio programma se sarò candidata sindaco del CentroSinistra. Continuerò questo viaggio e lo faremo dando anche più spazio ad alcune frazioni che in questa tornata non sono riuscita a visitare per ragioni di tempo.



1  
La città siamo noi: le famiglie!
Postato il 04 novembre 2011 da Stefania Bonaldi

4-11-2011 STEFANIA INCONTRA LE FAMIGLIE

L’amministrazione e la politica sono lontane anni luce dalla persone, dalla loro vita reale. Ho l’ambizione di colmare questa lacuna riportandovi le persone in carne ed ossa. Credo che sia fondamentale per dare risposte adeguate.




COMUNICATO STAMPA: SESTA TAPPA NEI QUARTIERI, SAN BARTOLOMEO, UN QUARTIERE DIVISO IN DUE DALLA VIABILITA’. BONALDI: “VA MESSO IN SICUREZZA L’ATTRAVERSAMENTO”
Postato il 29 ottobre 2011 da Stefania Bonaldi
“Le comunità d’accoglienza, le Acli, la Casa famiglia di San Giacomo, le associazioni di volontariato saranno gli interlocutori della futura amministrazione. Se sarò sindaco queste realtà che ho incontrato venerdì saranno considerate come significative sentinelle con le quali lavorare costantemente”. Stefania Bonaldi, candidata alle primarie del Centro Sinistra per le elezioni del sindaco, venerdì nel tour tra San Bartolomeo, il Pergoletto e Porta Ombriano ha dedicato parte della giornata all’incontro con chi ogni giorno ha a che fare con i problemi che feriscono anche il nostro territorio: la casa, le relazioni, il lavoro. “Ho incontrato alla Casa Famiglia di San Giacomo una comunità che è punto di riferimento per il quartiere; ho toccato con mano i problemi – spiega la Bonaldi – che ha creato la crisi economica anche nel nostro territorio facendo tappa alla comunità Colbert, realtà d’accoglienza a 360 gradi. Interessante l’ascolto dei diversi referenti delle Acli dove è emersa con forza la tematica della crisi abitativa per la quale dovrà essere, tra le altre cose, rivista la convenzione con l’Aler”. Ma non solo associazionismo. “L’incontro con Mauro Bandirali, della omonima gelateria, ha messo in luce – spiega la Bonaldi – il tessuto della piccola imprenditoria artigianale che, nonostante la crisi, ha interesse e volontà a collaborare con un’amministrazione attenta per privilegiare e finanziare progetti che si prendano cura della città”. Sul piatto anche i problemi dei quartieri visitati: “La viabilità lungo via Libero Comune e via Piacenza è compromessa dall’insediamento di numerosi servizi (scuole superiori, vigili del fuoco, Croce Rossa, ospedale, Tribunale, Piattaforma ecologica..etc). Il quartiere è diviso in due da una strada. Non ho bacchette magiche per sanare questa situazione ma quell’attraversamento decisamente va messo in sicurezza”.



COMUNICATO STAMPA: “NON LASCIAMO SOLE LE NOSTRE IMPRESE” LA CAPOGRUPPO DEL PD PRESENTA UNA MOZIONE PER CHIEDERE L’ISTITUZIONE DI UNO SPORTELLO UNICO
Postato il 20 ottobre 2011 da Stefania Bonaldi
“Non lasciamo sole le imprese cremasche”. A lanciare un appello e un impegno preciso a favore dell’economia cremasca è Stefania Bonaldi che stamattina ha protocollato in Comune una mozione per chiedere d’istituire uno sportello unico per tutti i comuni del Cremasco per dare risposte e premere per una maggiore sburocratizzazione del settore, al fine di dare effettivo supporto alle piccole e medie aziende locali e compimento alla proposta “Impresa in un giorno”. “Il nostro territorio – spiega la capogruppo del Partito Democratico, candidata alle primarie del 20 novembre - si caratterizza come una zona vivace dal punto di vista economico. Le imprese censite nel 2010 sono circa 12.000 comprendendo tutti i settori economici: agricoltura, industria, artigianato, commercio, servizi. Nel primo semestre 2011 solo sul Comune di Crema le imprese attive sono circa 3.000 di cui 1.350 ditte individuali. Quest’ìultime, che sono più di 7.000 su tutto il cremasco, riguardano soprattutto il settore edile”. Una mappa che fotografa centinaia di micro o piccole imprese, con una media di 6 addetti e una gestione familiare (in particolare nel settore della manifattura, del commercio, delle costruzioni e delle imprese agricole). “L’istituto della mobilità – continua la Bonaldi - sarà ancora una pesante realtà per 500/600 lavoratori in tutto il territorio cremasco per i prossimi 24/36 mesi. Siamo di fronte ad un grave problema: una grande e crescente difficoltà di accesso al credito per le piccole e medie aziende perché da sempre sottocapitalizzate. La questione di strategie di sviluppo economico locale non possono, oggi, contare sulla sola imprenditorialità (che andrebbe peraltro incentivata) ma hanno bisogno di precise azioni di supporto da parte delle istituzioni e degli enti pubblici”.



COMUNICATO STAMPA: INCONTRO A OMBRIANO CON LE SOCIETA’ SPORTIVE: “SERVE PIU’ ATTENZIONE A QUESTE REALTA’. PENSIAMO AD UN FESTIVAL DELLO SPORT PER LA NOSTRA CITTA”
Postato il 15 ottobre 2011 da Stefania Bonaldi
“Virtuoso, vivo e dinamico”. Con tre aggettivi Stefania Bonaldi la candidata alle primarie per le elezioni amministrative 2012 definisce Ombriano dopo la tappa in quartiere di venerdì. Tre caratteristiche a cui va aggiunto un “ma” perché “i vigili anche in questo quartiere non si vedono” e “perché la scuola materna esige una seria opera di ristrutturazione che permetta una vita scolastica sicura”. La capogruppo del Partito Democratico giunta alla quarta tappa del suo viaggio nei quartieri, ha incontrato nella giornata a Ombriano i lavoratori della cooperativa Koala che si occupa di servizi alla persona e ai minori, il vice parroco, i nonni vigili “una vera e propria autorità in questo quartiere. Persone che suppliscono alla mancanza degli agenti di polizia locale”. Un problema che la Bonaldi ben conosce: “In tutte le zone della città mi è stata segnalata la totale assenza dei ghisa. Si parla tanto di sicurezza per poi lasciare i quartieri senza un vigili. Dovremo ripensare all’organizzazione del nostro corpo di polizia locale. Il vigile è un punto di riferimento, è un’antenna importante anche per chi amministra”. Altro problema emerso è quello legato alla scuola materna “un ambiente decoroso in una struttura comunale che necessita d’interventi strutturali con urgenza. L’edilizia scolastica dovrà essere una priorità a Ombriano. I genitori della primaria chiedono da tempo un collegamento tra la palestra e la scuola oltre all’ampliamento della mensa ma finora sono rimasti a mani vuote”. Anche per Ombriano tra l’altro la candidata alle primarie è convinta che può essere utile la sperimentazione del piedibus con l’ausilio dei nonni vigili. Ultimo capitolo è quello dedicato allo sport: la capogruppo del Pd ha incontrato le società del Basket Ombriano e l’Aurora Calcio che assicurano alla città il coinvolgimento di centinaia di ragazzi e giovani atleti. “Nonostante questo loro importante impegno devono lottare per avere degli spazi. Credo che la nuova amministrazione dovrà rivedere i criteri di assegnazione e i calendari di utilizzo per assicurare a tutti, anche ai bambini, un luogo dove poter fare attività sportiva. Crema vanta una eccellenza in questo campo, facciamone tesoro”. Ed ecco l’idea: un festival dello sport che coinvolga tutta la città e tutte le società sportive con gare, mostre, rassegne e convegni a tema.



Lettera che Agostino mi ha inviato
Postato il 06 ottobre 2011 da Stefania Bonaldi
Ieri mattina ho ricevuto questa lettera da Agostino Alloni. Ritengo giusto riportarvela integralmente, non tanto per i giudizi lusinghieri sulla mia persona, che vivo come un incoraggiamento, quanto piuttosto per fare conoscere a tutti lo stile e lo spirito di Agostino. Credo abbia molto da insegnare a ciascuno di noi (a cominciare dalla sottoscritta). Cara Stefania, utilizzo la forma della lettera per informare te e la città della decisione di non candidarmi alle primarie del 20 novembre e di conseguenza di non presentare la mia candidatura a Sindaco di Crema per le elezioni della prossima primavera. Confermo, quindi, quello che ci siamo detti in più occasioni e che ho ribadito nella direzione del Pd cremasco lo scorso lunedì. Una decisione per me sofferta perché, come tu ben sai, fare il Sindaco di Crema è per me, per come intendo la politica, l’espressione più alta dell’impegno sociale a servizio della comunità, con l’obiettivo di migliorare il benessere dei cittadini e raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. Per me la politica è quella che si esercita a livello locale, a contatto con i problemi delle famiglie, delle imprese e del territorio nel suo insieme. Fare politica significa trovare la migliore soluzione; il vero ruolo del politico è quello di “facilitare” le persone a realizzare le idee migliori, quelle più ambiziose, che possono favorire il progresso o farci uscire da situazioni difficili. E’ questa la politica che andrebbe messa in campo oggi, qui da noi come a livello nazionale, per uscire da una crisi profonda ancora lontana dall’essere risolta. Ciò nonostante ho deciso di non candidarmi per tre motivi principali: • sono stato eletto lo scorso anno consigliere regionale, con un risultato importante e grazie al sostegno di elettori di tutta la provincia. Lasciare adesso l’incarico è una sorta di tradimento per tutti quelli che mi hanno dato fiducia. E’ anche una questione etica che in politica viene poco usata: mi sono candidato e sono stato eletto in Regione, ed ora rimango lì fino al termine del mandato; • serve un ricambio generazionale!!! Siamo tutti bravi a dirlo e ad indicare esempi a cui applicare la regola del rinnovamento, del lasciare il passo ai più giovani. Quando tocca a noi, però, siamo anche prontissimi a dire che “no, noi siamo i più bravi”, siamo unici e che i giovani, che servono, possono comunque far parte della squadra. E’ una questione di coerenza. Facendo noi un passo indietro diamo l’esempio e rendiamo sicuro il ricambio generazionale. E’ come togliere il tappo ad una buona bottiglia di vino; • l’elemento decisivo che mi ha convinto è però un altro: la tua candidatura. Non ci fosse stata la tua disponibilità avrei partecipato alle primarie. E invece sono qui a dirti del mio passo indietro e della piena disponibilità a sostenere il tuo progetto, prima e dopo il 20 novembre. Nella tua persona sono riassunte le tante qualità necessarie per svolgere bene il ruolo di Sindaco di Crema: la passione necessaria per fare con “amore” il bene comune; la preparazione amministrativa e culturale; una base politica che non ti faccia fare “l’uomo solo al comando”; la tenacia e la forza senza le quali si finisce per cedere; e infine una visione che non si limita alla quotidianità ma che traguarda le soluzioni in un futuro prossimo, mettendoci uno spirito positivo e uno slancio di fantasia che faccia intravedere ai cremaschi un futuro migliore. Permettimi di indicarti, e considerali solo come dei suggerimenti, tre questioni fondamentali per le quali servirà maggiore attenzione, per vincere le primarie, per vincere le elezioni ma soprattutto per “fare bene” il Sindaco: - il lavoro e l’attenzione alle politiche sociali. Occorre che Crema, insieme a tutti i Comuni, sviluppi azioni importanti per le imprese. Il lavoro nasce da lì e da lì si rilancia lo sviluppo e l’economia. Non è vero che il Sindaco può fare poco!!! - La mobilità e le infrastrutture. Il treno diretto per Milano, la riqualificazione dell’ex-Ferriera e della ex Everest dentro le quali risolvere il problema dell’eliminazione del passaggio a livello di Santa Maria, la riqualificazione della stazione FS. Bisogna far dialogare ferro e gomma; serve un servizio a chiamata dei bus in collegamento con tutti i comuni confinanti. Va completata la strada sud, dalla Paullese al cimitero di Santa Maria e, se si potesse ancora, fermare l’assurdità del progetto del sottopassaggio di via Indipendenza. E poi ancora la Paullese e il Metrò! - Non chiuderti nel palazzo. Stai “fuori dal Comune”, incontra la gente, decidi con trasparenza e confrontati con la città. Usa la forza positiva della buona politica, a partire dalla maggiore organizzazione democratica del territorio, che è il PD. Tienine sempre conto, ma sii tu a decidere. Ho scritto troppo. Ti ringrazio per l’attenzione e per il coraggio che stai dimostrando nell’iniziare un’avventura non certo facile ma che, sono certo, contribuirà a far star meglio i cremaschi. Un caro saluto Agostino Alloni


1  2  
COMUNICATO STAMPA: “S.BERNARDINO HA SOLO BISOGNO DI UN BUON PADRE DI FAMIGLIA. IL SERVIZIO MIOBUS VA RIORGANIZZATO PER GLI ANZIANI, LA CONVEZIONE CON L’ALER VA RIVISTA PER LE CASE POPOLARI E BASTA AL DEGRADO NELLA ZONA EX CANAVESE”
Postato il 01 ottobre 2011 da Stefania Bonaldi
“San Bernardino ha bisogno di un buon padre di famiglia. Solo questo. Proverò ad essere per questo quartiere come un genitore che sappia ascoltare le necessità delle tante e vivaci associazioni e persone che animano questa zona della città per troppo tempo abbandonata”. Il giorno dopo la seconda tappa del viaggio nei quartiere, Stefania Bonaldi, candidata alle primarie del CentroSinistra per le elezioni amministrative 2012, traccia un bilancio della giornata trascorsa tra incontri con il parroco don Natale Scalvini, i nonni vigili, le mamme dei bambini che frequentano la scuola e gli anziani che abitano alle case popolari. “Un quartiere ricco di realtà positive che vanno difese e valorizzate”. Sul quaderno della Bonaldi anche tanti appunti di criticità emerse e accanto qualche soluzione scritta in rosso: “Nel quartiere c’è una popolazione prevalentemente anziana, che vive il disagio della mobilità verso il centro, resa critica da un sistema di trasporto, quello a chiamata del MIOBUS, che se non ripensato del tutto va sicuramente riorganizzato in modo sostanziale: troppe le difficoltà nella prenotazione, nelle conferme, nella fruizione di questo servizio. A San Beranrdino si vive con la speranza di importanti interventi di riqualifica delle Aree Grimeca (ex Canavese) e Boschiroli, una ferita aperta lungo la via Martini, che imbarazza gli abitanti con uno spettacolo di degrado indecoroso; aggrava il tutto, in queste ultime settimane, un furgone incendiato abbandonato al bordo strada”. Diverso lo stato d’animo con il quale lo sguardo si posa sulla dignità e sul decoro della zona di Via Veneto con le sue case popolari. “Anche qui, però, troppe sono le case non assegnate che restano vuote, e questo è un vero reato, in tempi nei quali l’emergenza abitativa morde il freno e tante sono le famiglie – spiega la Bonaldi - in lista d’attesa per una casa. Mi convinco ogni giorno di più che la convenzione con l’Aler va rivista in toto, per impegnare l’azienda con tempi e modi precisi nella ristrutturazione e negli interventi manutentivi, anche perché, la signora Giuseppina mi ha raccontato che quando chiami al numero delle manutenzioni, resti al telefono in attesa decine di minuti, e alla fine riattacchi, e ti senti abbandonato a te stesso”. Il senso di abbandono e di un’amministrazione poco vicina serpeggia tra le persone: “Un vigile urbano non lo vedi neanche a pagarlo” , dicono all’Arci. “Chiediamo un appuntamento con l’assessore allo sport – dice il responsabile della società sportiva Frassati – e per quattro, cinque volte, ci viene fissato e poi annullato; non riusciamo mai a parlargli”. “Da anni chiediamo un incontro con l’assessore alla cultura – mi riferisce Nicola, uno dei giovani del quartiere responsabile della Compagnia teatrale delle 4 Vie - ma non ci ha mai degnato di una risposta”.



COMUNICATO STAMPA: SECONDA TAPPA PER LA BONALDI: S. BERNARDINO "Incontro con i nonni vigili, le compagnie teatrali, le società sportive,all'ARCI e alle case popolari"
Postato il 29 settembre 2011 da Stefania Bonaldi
Seconda tappa nei quartieri, venerdì 30, per Stefania Bonaldi, candidata alle primarie del CentroSinistra per le elezioni amministrative 2012. Il nuovo appuntamento con i cittadini sarà nella zona di San Bernardino. Dalle 10 alle 19 la capogruppo del Partito Democratico sarà in quartiere per incontrare le persone, per raccogliere suggerimenti ma soprattutto per ascoltare. Il programma prevede una serie di incontri che rende la giornata particolarmente intensa. Alle 10 la Bonaldi visiterà scuola materna e incontrerà il presidente della scuola. Alle 11 è previsto un confronto con il parroco di San Bernardino e a seguire alle 12,30 la candidata alle primarie sarà davanti ai cancelli della scuola primaria per ascoltare le mamme dei ragazzi che la frequentano. “In rosa” anche l’appuntamento delle 13,30 con le donne di via Veneto al Circolo Combattenti. Nell’agenda della Bonaldi vi sarà spazio alle 14,30 per vedere la referente dei nonni vigili e alle 16.00 tappa all’Arci del quartiere. In scaletta alle 17.00 l’ incontro con U.S. Frassati. La Bonaldi visiterà nel tardo pomeriggio anche la zona delle case popolari. Infine alle 19 l’ incontro con il referente della Compagnia delle Quattro Vie. Per tutta la giornata vi sarà un presidio sulla piazza della Chiesa, all’angolo con via Monte Santo. “Dopo Santa Maria della Croce – spiega Bonaldi – sarò a San Bernardino con lo stesso spirito: non andrò a promettere nulla ma ad ascoltare e ad assicurare un impegno affinché la prossima amministrazione dedichi una reale attenzione ai quartieri attraverso consiglieri delegati e un assessorato ad hoc. Sarò a San Bernardino con la mia faccia, con un diario per appuntarmi ciò che mi suggeriranno e con la disponibilità a intrecciare collaborazioni”.



COMUNICATO STAMPA: PRIMA TAPPA DELLA BONALDI A SANTA MARIA. “Una risposta concreta: consiglieri delegati ai quartieri e un assessorato dedicato alla cura e all'ascolto”
Postato il 24 settembre 2011 da Stefania Bonaldi
“A Crema non servono grandi rivoluzioni ma c’è la necessità di prendersi cura dei quartieri sul serio: questo è il vero cambiamento. A Santa Maria della Croce e negli altri quartieri, dove immagino la situazione sia la stessa, nessun cittadino deve più sentirsi abbandonato dall’amministrazione. E su questo il mio impegno e la mia proposta è chiara: serve una delega in giunta ai quartieri e dei consiglieri delegati per ogni zona”. Stefania Bonaldi ha appena terminato la sua giornata a Santa Maria della Croce e in poche parole riassume la fotografia e dà una risposta ai problemi incontrati. Per una mattinata e un intero pomeriggio ha calpestato i marciapiedi, i parchi, le strade del quartiere. Ha incontrato i rappresentanti del quartiere, cittadini comuni, il parroco Padre Ricardo. Ha scelto di ascoltare le persone facendosi accompagnare da loro all’Mcl. Ha pranzato all’Arci dove ha incontrato poi un folto numero di persone. Tra le tappe anche la zona delle case popolari in piazza Di Rauso e all’Associazione Papa Giovanni XXIII. Infine i responsabili della società sportiva Atalantina. Scarpe da ginnastica, jeans, maniche corte, uno zaino in spalla e un quaderno dove ha appuntato i problemi sollevati dalla persone incontrate: dalla pericolosità della curva nei pressi del Santuario, alla scarsa illuminazione sulla strada verso Pianengo, alla mancata cura delle piante sul viale, all’abbandono del parco del Nosocomio. Sulle pagine del quaderno a quadretti della Bonaldi trova spazio anche l’assenza dei vigili di quartiere, la ferita dell’ex Everest e la questione dell’integrazione dei migranti alle case popolari. “Non ho la bacchetta magica – afferma la Bonaldi – per poter risolvere i problemi di tutti ma ho la certezza che se amministreremo questa città, investiremo capacità e competenze per avere cura dei quartieri e per tornare ad ascoltare le esigenze delle persone. A Bruxelles ogni quartiere ha una sua “antenna sociale”. Anche a Crema dobbiamo avere una rete di “antenne sociali” in grado di dialogare con il sindaco”.



QUANDO VINCE LA CATTIVA POLITICA
Postato il 15 luglio 2011 da Stefania Bonaldi
La recente vicenda delle nomine nelle società partecipate a Crema lascia basiti per come la politica possa offrire talora il peggio di sé. A Crema oggi succede che l’amministratore unico di Cremasca Servizi SRL Barbati ha designato se medesimo quale presidente di SCS Servizi Locali SRL e in tale veste controlla se medesimo in quanto consigliere della S.C.C.A - Società Cremasca Calore. A Crema oggi succede che il vicepresidente di SCRP Tomaselli vigili su se stesso come consigliere di amministrazione di SCS Servizi Locali SRL e in tale carica controlli se medesimo in quanto presidente di S.C.C.A. Una situazione in patente violazione di ogni norma di buona, corretta, trasparente amministrazione e dei principi di distinzione tra nominato e nominante e controllato e controllante che devono presiedere le società pubbliche evitando anche potenziali situazioni di conflitto di interessi. Una pagina buia per la nostra città, una pagina da riscrivere, perché quando vince la cattiva politica perdono i cittadini e perdiamo tutti noi.



COMUNICATO STAMPA: PROVA GENERALE DI BUONA AMMINISTRAZIONE CON LA “MEZZANOTTEGIALLA”
Postato il 14 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
E’ stata una grande prova generale di buona amministrazione, quella lanciata venerdì notte da Stefania Bonaldi, con la “mezzaNotte gialla”. La candidata alle primarie del CentroSinistra ha vivacizzato per una notte intera la città coinvolgendo centinaia di giovani e non in diversi appuntamenti calendarizzati dalle 18,30 all’una di notte. “La città ha per una sera – spiega la Bonaldi – dato spazio e tempo ai talenti. Abbiamo riconquistato alcuni luoghi della città come il mercato Austroungarico e dimostrato che è possibile renderli vivaci. Abbiamo in collaborazione con il Caffè Gallery e il Barcelona messo in rete locali privati con un’idea di amministrazione. E grazie a due professionisti come l’architetto Giorgio Cabini e il geografo Fabio Pavesi, realizzato un tour guidato della città alla scoperta di luoghi che pochi di noi conoscevano. E’ stata una prova generale. Se sarò sindaco continuerò a lavorare in questa direzione”. La “mezzaNotte gialla” è iniziata alle 18.30 con un aperitivo con il consigliere regionale Pippo Civati al Caffè Gallery, allietato alla fine da una “sfida” a colpi di vinili e di musica anni 70’, 80’ e 90’. Alle 22 la Bossa Nova è stata protagonista all’ex chiesa di Porta Ripalta. Stefania Bonaldi si è fatta poi conoscere in compagnia della musica di un Dj al Barcelona dove ha incontrato parecchio giovani incuriositi della sua presenza. Oltre 100 persone hanno atteso la mezzanotte con il progressiv rock al mercato austroungarico. E alle 24 sotto il Duomo un gruppo di cremaschi con la capogruppo del Pd, si sono dati appuntamento per una passeggiata alla scoperta di monumenti, antichi passaggi delle rogge e aneddoti sui fantasmi che abitano i bei palazzi.



NOMINE SCS: NELLA COMPLESSITA' C'E' CHI CI SGUAZZA
Postato il 14 luglio 2011 da Stefania Bonaldi
La vicenda della nomina del CDA di Scs Servizi Locali assume contorni sempre più paradossali. Il Sindaco oggi afferma che non c’è stata alcuna convocazione di assemblea dei soci per la nomina del nuovo CDA e che gli è stato detto che lo Statuto di Scs Servizi Locali non lo prevede per tali nomine. Su una cosa il Sindaco ha perfettamente ragione: questi statuti, elaborati sui modelli “privatistici” sono inadeguati a rispondere alle esigenze di trasparenza e di pubblicità delle procedure di nomina che dovrebbero assolutamente presiedere le designazioni nei CDA di enti a partecipazione pubblica. In realtà, nel caso specifico, lo Statuto di Scs servizi Locali dichiara che il CDA è nominato dall’assemblea, sulla base di liste presentate dai soci almeno 5 giorni prima dell’assemblea medesima e che ciascun socio può concorrere alla presentazione di un’unica lista. Il punto è dunque da chi è costituita l’assemblea di SCS servizi Locali: il capitale sociale è detenuto per il 65% da SCRP, presieduta da Corrado Bonoldi e per il 35% da Cremasca Servizi SRL, società interamente partecipata dal Comune di Crema e che ha come amministratore unico il medesimo Ercole Barbati. Nel caso specifico siamo all’assurdità tale per cui un’assemblea costituita da Bonoldi, socio al 65% e da Barbati, socio al 35%, ha nominato il CDA di SCS Servizi Locali designando Barbati medesimo come presidente, in una situazione di conflitto di interessi vischiosa ed opaca che, se è ammessa sul piano del diritto societario, appare discutibilissima sul piano dell’etica e della correttezza. Il nominato (dal Comune) amministratore unico di Cremasca Servizi SRL partecipa alla nomina di sé stesso a Presidente di SCS Servizi Locali….. E il Comune di Crema dormiva? Il Sindaco dichiara che il Comune è stato totalmente assente su questa partita e che ha deciso solo il CDA di SCRP. Non metto in dubbio la buona fede di Bruttomesso, ma non posso che evidenziare in primo luogo che come Sindaco aveva il dovere di informarsi, specie su una questione delicata come questa e oggetto di un acceso dibattito già da diversi mesi. Teniamo infatti conto che il consiglio comunale, a maggioranza, aveva invitato il Sindaco a sfiduciare in toto il CDA uscente, riconfermato invece per due terzi pochi giorni por sono. In secondo luogo, per l’ennesima volta, Bruttomesso è stato male consigliato e sono prevalsi gli interessi di una segreteria di partito, quella del PDL, che pure non in sintonia con molti dei suoi consiglieri espressi in consiglio comunale, sta perpetrando una bieca logica di occupazione delle partecipate. Una cosa è certa. È doveroso e urgentissimo mettere mano agli statuti degli enti a partecipazione pubblica, per garantire trasparenza e controllo perché nella loro complessità e fumosità c’è chi ci sguazza per interessi che non giureremmo pubblici.



COMUNICATO STAMPA: ASSEMBLEA DONNE PD (Crema, 8 Novembre)
Postato il 14 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Solo tagli per uscire dalla crisi? La domanda sembra un po’ retorica se posta dal PD, e in particolare dalle donne democratiche che hanno tenuto a Crema una riunione della loro assemblea provinciale. Naturalmente la risposta è no. Sacrifici saranno necessari di fronte a una crisi senza precedenti negli ultimi decenni, determinata da fattori mondiali ma aggravata e accelerata in Italia dalle scelte e dalle non scelte dei governi di centro destra. Per uscire da questa situazione sono indispensabili scelte e azioni che possano rimettere in moto il motore inceppato della crescita. Altrimenti a rimetterci saranno i cittadini, e non solo i più deboli, ma le classi medie già pesantemente investite dalla crisi. E su tutti le donne, perché i tagli oggi sono tagli soprattutto alle politiche sociali e di sostegno alla famiglia. Stefania Bonaldi, capogruppo PD in consiglio comunale e candidata alle Primarie del 20 novembre, ha spiegato che cosa significano per il Comune di Crema le scelte del governo, che intaccano non solo la possibilità di fare investimenti, ma anche la spesa corrente, quella che serve per far funzionare la macchina comunale e per erogare i servizi. Bonaldi delinea anche alcune soluzioni che, dice, faremo nostre se saremo chiamati ad amministrare la città l’anno prossimo: prima di tutto, è necessario dire la verità ai cittadini, e chiamarli alla partecipazione e alla responsabilità delle scelte. Poi bisognerà riorganizzare la macchina amministrativa per renderla più efficiente e capace di rispondere alle nuove sfide con i tempi e le decisioni necessarie. Occorrerà stabilire le priorità, a partire dai temi del lavoro e delle politiche che ne facilitino il reperimento e il mantenimento. Infine l’apertura della città al territorio,perché un territorio unito è più forte e a trarne vantaggio non saranno solo i comuni più piccoli ma tutti. La senatrice Cinzia Fontana e Donata Bertoletti hanno analizzato la situazione alla luce delle scelte scellerate del governo, offrendo al dibattito alcune idee e possibili vie d’uscita. La prima delle quali, a detta di entrambe, è la ricostruzione di un’idea condivisa di società, di reti sociali.



1  
DA "IL CITTADINO": UNA STRADA TRA LODI A CREMA
Postato il 10 novembre 2011 da Stefania Bonaldi



COMUNICATO STAMPA: SOSPESO L'INCONTRO CON OLGA D'ANTONA
Postato il 10 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Nella giornata di ieri l’Onorevole Olga D’Antona ci ha comunicato che sabato sarà impegnata alla Camera per il voto sulla Legge di Stabilità. Com’è a tutti evidente il momento delicato e critico per il nostro Paese non ha permesso, all’ultimo minuto, all’onorevole D’Antona di essere a Crema per l’incontro previsto alle ore 17 alla sala delle Vele. Il Comitato Stefania Bonaldi Sindaco



COMUNICATO STAMPA: VIAGGIO NEI QUARTIERI: ULTIMA TAPPA A SANTO STEFANO E VILLETTE PER STEFANIA BONALDI
Postato il 10 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Ultima tappa del viaggio nei quartieri venerdì 11 novembre per Stefania Bonaldi candidata alle primarie del CentroSinistra per le elezioni amministrative 2012. Ma non solo. Il venerdì della Bonaldi sarà caratterizzato da un evento unico nel suo genere: la prima “mezzaNOTTE gialla” nella città di Crema, una sorta di “notte bianca” con eventi culturali lungo un percorso del centro storico di Crema. La capogruppo del Partito Democratico venerdì in mattinata partirà alle Villette: appuntamento con il presidente dell’Anffas; pranzo nella zona Università con alcuni giovani ricercatori. Alle 14.30 caffè/incontro presso una famiglia di Santo Stefano e visita alla zona di via Bramante con alcuni cittadini del posto. Fuoriprogramma venerdì 18 alle 17.30, l’incontro con il parroco di Santo Stefano e il comitato di quartiere. Alle 18,30 parte la “mezzaNotte gialla” al Caffè Gallery in via Mazzini con l’aperitivo con Pippo Civati, consigliere regionale e a seguire “Minuit en Vinyle”, musica anni 70’-80’. Alle 21 appuntamento alla chiesa di Santa Maria di Porta Ripalta con “Meia –noite na Bossa Nova”. Nel giro della “Notte Gialla” anche il Barcelona Cafè dove si terrà la “Media noche en Disco” a partire dalle 22. Per finire dalle 23 “Midnight in Progressive rock” al Mercato Austroungarico. Ma non è finita alle 24,00 è previsto un tour guidato di Crema nella notte. Un’iniziativa nata per incontrare i giovani e non solo ma anche per fare “una prova” già in questa fase di buona amministrazione ovvero di come è possibile vivere diversamente i luoghi del centro. “Non è tuttavia – spiega subito la Bonaldi – la chiusura di un viaggio ma come nel “Giro d’Italia” è solo la prima volata. Tornerò nei quartieri se vincerò le primarie e se sarò sindaco la visita nei quartieri diventerà prassi. Ho scelto di mettere i quartieri al centro– spiega la Bonaldi – perché ho percepito che c’era un gran bisogno di fare rete, di ascoltare le persone, di rendere protagoniste alcune realtà che vi sono nelle diverse zone. Ho fatto oltre 70 incontri con associazioni, parroci, famiglie. Ho ora in mano una mappa delle realtà virtuose della città che ho conosciuto di persona. Ho un quaderno ricco di proposte che saranno la base del mio programma se sarò candidata sindaco del CentroSinistra. Continuerò questo viaggio e lo faremo dando anche più spazio ad alcune frazioni che in questa tornata non sono riuscita a visitare per ragioni di tempo”.



COMUNICATO STAMPA: IL PD AL FEMMINILE DISCUTE DELLA CRISI
Postato il 09 novembre 2011 da Stefania Bonaldi
Solo tagli per uscire dalla crisi? La domanda sembra un po’ retorica se posta dal PD, e in particolare dalle donne democratiche che hanno tenuto a Crema una riunione della loro assemblea provinciale. Naturalmente la risposta è no. Sacrifici saranno necessari di fronte a una crisi senza precedenti negli ultimi decenni, determinata da fattori mondiali ma aggravata e accelerata in Italia dalle scelte e dalle non scelte dei governi di centro destra. Per uscire da questa situazione sono indispensabili scelte e azioni che possano rimettere in moto il motore inceppato della crescita. Altrimenti a rimetterci saranno i cittadini, e non solo i più deboli, ma le classi medie già pesantemente investite dalla crisi. E su tutti le donne, perché i tagli oggi sono tagli soprattutto alle politiche sociali e di sostegno alla famiglia. Stefania Bonaldi, capogruppo PD in consiglio comunale e candidata alle Primarie del 20 novembre, ha spiegato che cosa significano per il Comune di Crema le scelte del governo, che intaccano non solo la possibilità di fare investimenti, ma anche la spesa corrente, quella che serve per far funzionare la macchina comunale e per erogare i servizi. Bonaldi delinea anche alcune soluzioni che, dice, faremo nostre se saremo chiamati ad amministrare la città l’anno prossimo: prima di tutto, è necessario dire la verità ai cittadini, e chiamarli alla partecipazione e alla responsabilità delle scelte. Poi bisognerà riorganizzare la macchina amministrativa per renderla più efficiente e capace di rispondere alle nuove sfide con i tempi e le decisioni necessarie. Occorrerà stabilire le priorità, a partire dai temi del lavoro e delle politiche che ne facilitino il reperimento e il mantenimento. Infine l’apertura della città al territorio,perché un territorio unito è più forte e a trarne vantaggio non saranno solo i comuni più piccoli ma tutti. La senatrice Cinzia Fontana e Donata Bertoletti hanno analizzato la situazione alla luce delle scelte scellerate del governo, offrendo al dibattito alcune idee e possibili vie d’uscita. La prima delle quali, a detta di entrambe, è la ricostruzione di un’idea condivisa di società, di reti sociali.



COMUNICATO STAMPA: SETTIMA TAPPA NEI QUARTIERI , PIAZZA GARIBALDI E CASTELNUOVO. “PIU’ ATTENZIONE AI RESIDENTI IN CENTRO E PERCORSI IN SICUREZZA A CASTELNUOVO”
“La vitalità del centro storico è l’ingrediente essenziale per una città”. Stefania Bonaldi, candidata alle primarie del Centro Sinistra a Crema, giovedì 3 novembre, la zona centrale della città l’ha incontrata nel corso della sua settima tappa nei quartieri: un tour che la vede impegnata da oltre un mese nelle diverse zone della città. In piazza Garibaldi la capogruppo del Partito Democratico ha fatto tappa per l’intera mattinata: ha ascoltato gli esercenti commerciali ma anche i residenti nella zona. “L’amministrazione che governerà Crema nei prossimi anni – spiega la candidata – dovrà dare una maggiore attenzione a chi vive di commercio al dettaglio in centro storico. Le loro attività sono preziose per la nostra economia soprattutto in un momento critico come questo”. Una sola voce arriva anche dai residenti di piazza Garibaldi: rivedere le regole per il parcheggio di chi abita in zona. Diverso il tono a Castelnuovo: “Un quartiere modello dove vi sono realtà virtuose – spiega la Bonaldi - come l’Associazione Genitori della scuola primaria che gestisce autonomamente il pre e post orario e organizza il grest estivo”. Tra gli appunti della Bonaldi c’è l’esigenza di mettere dei percorsi ciclo pedonali in sicurezza su via Cremona e all’incrocia tra quest’ultima e via Montello”. Sul tavolo anche la richiesta dei residenti di riqualificare e usare socialmente, l’ex deposito dell’Anas dismesso. Infine l’incontro in quartiere con il responsabile della Comunità evangelica pentecostale di Crema. “Tornerò anche da candidato sindaco e poi da primo cittadino – spiega la Bonaldi – in queste zone per continuare il dialogo intrapreso”.



ASSESSORE NON E' INVIDIA, E' INDIGNAZIONE
Postato il 06 luglio 2011 da Stefania Bonaldi
(PARLIAMO ANCORA DEI POOH A CREMA) Non voglio trascinare i cittadini in uno spettacolo sgradevole, perché la politica ce ne regala tutti i giorni, certo fa un certo effetto leggere lo psicodramma dell’assessore Beretta mentre tenta di rispondere ai contenuti della mia interpellanza sul concerto dei Pooh, e capire all’improvviso perché il nostro Paese e il nostro Comune sono ridotti come sono ridotti. Contenuti zero (tanto in politica non contano), arroganza a insulti personali, invece, in quantità. Posto che due black out, una lunga pausa tecnica e la prosecuzione con illuminazione ridotta non indurrebbero giudizi trionfalistici (“l’ottima riuscita della performance”), almeno in un amministratore sensato, mi chiedo se era il caso di buttare dalla finestra una cifra del genere, in un momento del genere, caratterizzato da difficoltà sconosciute (all’assessore di sicuro) nella storia recente della nostra città. Difficoltà che a Crema generano tagli alla spesa sociale, aumenti indiscriminati di tariffe e servizi, ma anche drastiche riduzioni per i contributi a istituzioni prestigiose come la scuola musicale Folcioni, salvo poi stanziare 36mila euro, oltre a tutti i costi indiretti oggetto della mia interpellanza, per cofinanziare il concerto dei Pooh, per giunta accampando la scusa del “sostegno alla cultura”. Un poco di serietà e di rispetto per l’intelligenza dei cittadini e per le istituzioni, per piacere. Da ultimo vorrei dire all’Assessore Beretta, il quale sbandiera la vicenda APIC ogni qual volta gli si pesta un callo, che diversamente dalla sua trentennale presenza sulla scena politica, la mia è davvero modesta, meno di un lustro, dunque ai tempi dell’APIC non ero presente. Ciò non di meno nutro piena fiducia nelle indagini che la magistratura sta portando avanti, e se emergeranno responsabilità a carico di amministratori della mia parte politica, sarò la prima a chiederne conto.


STEFANIA BONALDI | Mi presento > Perché mi candido | Cartoline da Crema | I miei post | Idee per Crema | Ti racconto la Campagna | Multimedia | Contattami
Login | Realized by Edp Answer - realizzazioni portali